Stampante 3D con tecnologia Multi Jet Fusion di HP

La HP è una multinazionale americana dell’informatica attiva sia nel mercato dell’hardware che in quello del software e dei servizi collegati all’informatica. Ad inizio 2014 aveva annunciato il progetto di lanciare una stampante 3D professionale per stare al passo con la trasformazione digitale e l’industria 4.0 ed ecco che le prime stampanti 3D (dopo circa 2 anni) stanno per arrivare nel mercato italiano.

La tecnologia SLS di 3D Systems, a differenza delle Multi Jet Fusion di HP, produce vere termoplastiche funzionali con risoluzioni e finiture superficiali di qualità superiore rispetto a qualsiasi altro processo SLS. Un raggio laser fonde con precisione e cura polveri sinterizzate creando prototipi anche di grandi dimensioni resistentissimi all’usura ed alle alte temperature adatti ad applicazioni estreme come la prototipazione di parti meccaniche e termiche del settore automotive.

>> Vedi anche: Tecnologia di stampa 3D Multi Jet Fusion di HP

La tecnologia 3D Jet Fusion invece, permette di stampare oggetti in 3D fino a 10 volte più velocemente rispetto alle attuali tecnologie di stampa 3D e in modo più economico, senza compromettere la qualità, il dettaglio e la robustezza del manufatto. (Questo, a quanto dice di HP)

Video: Stampa 3D Multi Jet Fusion di Hewlett-Packard

Per ridurre in modo considerevole il tempo di stampa, la MJF è basata sulla tecnologia Thermal Inkjet, la quale approccia il materiale per superfici e non in modo puntiforme. Il processo si sviluppa con la stesura del materiale da stampare in polvere, sul quale poi saranno depositati agenti chimici. In aggiunta, sempre sulla stessa area, verrà “diffuso” un altro agente chimico il quale migliorerà l’aspetto esteriore del futuro oggetto, smussando i bordi a spigolo.

La vera novità della serie HP Jet Fusion 3D è l’utilizzo di due inchiostri differenti: un agente di fusione e un agente di dettaglio. Il primo dona il calore al materiale, il secondo lo definisce in base alle istruzioni del file.

Processo MultiJet Fusion HP

Una volta terminata la stampa, una luce ad alta intensità passa su tutta la superficie, fondendo le parti rimanenti e producendo una piccola polverina che va a finire in un rifiuto riciclabile.

Vedi anche >> Stampa 3D metallo in Italia

Questa tecnologia prevede l’impiego di un array di ugelli a getto d’inchiostro termico con un grandissimo numero di ugelli per pollice che è cosi in grado di stampare più di 30 milioni di gocce al secondo per pollice.

Quali sono le caratteristiche della stampante 3D HP Multi Jet Fusion:

  • La precisione e il dettaglio
  • Resistenza, elasticità
  • Trasparenza / Opacità
  • Colore di superficie
  • Conducibilità termica ed elettrica
  • Rugosità superficiale, le texture, e l’attrito

Stampante 3D HP Voxel

Specifiche tecniche delle stampanti 3D HP MultiJet Fusion

HP Jet Fusion 3D 4200 Printer

  • Volume di costruzione: 380 x 384 x 350
  • Velocità di stampa 3D: 4000 cm³/ora
  • Spessore dello strato: 0.07 to 0.1 mm
  • Risoluzione di stampa (x,y): 1200 dpi
  • Dimensioni della stampante 3D: 2210 x 1200 x 1448 mm

HP Jet Fusion 3D 3200 Printer

  • Velocità di stampa 3D: 380 x 284 x 350
  • Velocità di stampa 3D: 3500 cm³/ora
  • Spessore dello strato: 0.08 mm
  • Risoluzione di stampa  (x,y): 1200 dpi
  • Dimensioni della stampante 3D: 2200 x 1200 x 1448 mm

Desideri più informazioni sulla stampante 3D Multi Jet Fusion di HP?

Contattaci per ricevere subito una risposta

Open House: vieni a scoprire le novità della stampa 3D per la gioielleria!

  Venerdì 27 ottobre dalle ore 9:00

   Valenza (AL) 

 Iscriviti QUI