ProX 100: Tecnologia Direct Metal Printing di 3D Systems

La stampante 3D ProX 100 di 3D Systems è una tecnologia pensata per la produzione di parti metalliche definite nei minimi dettagli. Una stampante 3D per gioielleria che riproduce direttamente il gioiello finito.

ProX 100 macchina 3d systems selltek

ProX 100 macchina 3d systems selltek srl

ProX 100 è la stampante più piccola della serie Direct Metal Printing (DMP). Essa rappresenta il punto di partenza per chi necessita produrre parti metalliche di dimensioni ridotte con geometrie complesse e standard di qualità e velocità elevati.

ProX 100 3D gioielli

L’area di stampa della ProX 100 è di 100 x 100 x 80 mm con caricamento manuale dei materiali e una stazione di riciclaggio esterna opzionabile. Le stampanti 3D della linea DMP lavorano una vasta gamma di leghe metalliche, tra le quali acciaio, leghe di cromo-cobalto, Inconel, alluminio e titanio.

Grazie alla tecnologia di compattazione in strati, è possibile lavorare con accuratezza ogni dettaglio per ottenere definite finiture superficiali e spessori delle pareti sottilissimi.

ProX 100 consente la riproduzione di parti difficilmente realizzabili con i metodi tradizionali garantendo tempi di produzione rapidi e facilità d’impiego.

La finitura superficiale, fino a 5 Ra μm (200 Ra micro pollici), riduce il post elaborazione e l’utilizzo del materiale consentendo un risparmio considerevole di tempo e di costi.

Preparazione di ProX 100:

  1. Assicurarsi che la lente primaria (dalla quale passa il raggio di rifrazione) sia sempre rigorosamente pulita;
  2. L’atmosfera in cui la macchina viene posizionata deve essere inerte;
  3. Necessaria la presenza di un tappetino e l’utilizzo di scarpe antistatiche. Il materiale è una “polvere reattiva”, sostanza piroforica, per cui è possibile una reazione esotermica a contatto con l’ossigeno.

Funzionamento della stampante:

Come per ogni stampante 3D, tutto parte da un file stl, che viene elaborato dal software interno alla macchina, Software 3D Manufactoring Pro, e preparato alla lavorazione tramite la sua supportazione e lo slicing automatico. Una volta pronto, il file viene inviato alla stampante.

Solitamente i primi layer vengono stesi “manualmente”, tramite lo schermo touch del computer interno alla ProX 100 per un miglior fissaggio dei supporti. Successivamente, il potente laser, disegnerà gli strati automaticamente.

ProX 100 3D Systems - Selltek srl

Riutilizzo del surplus di polveri:

Alla fine del processo, tramite gli appositi “guanti” neri laterali alla ProX 100, verrà tolta la polvere in eccesso e riciclata in due appositi contenitori (estraibili e setacciabili) insiti nella macchina.

Questi contenitori, pieni di polvere “contaminata” (usata), verranno messi in un forno per 12 ore a 60° in modo da eliminare l’umidità. A questo punto la polvere è setacciabile e pronta per una nuova lavorazione.

ProX 100 Selltek srl

ProX 100 Selltek srl

Completamento del processo:

La piattaforma lavorata dalla ProX 100, verrà inserita in un forno da ricottura per 3 ore a 750°, rendendola così trattabile e i pezzi facilmente distaccabili da essa manualmente.

ProX 100

ProX 100 Selltek srl

Infine si passa alla sabbiatura, necessaria per togliere la rugosità superficiale dei pezzi.

Vedi la tecnologia Direct Metal Printing di ProX 100 in funzione:

 

Vuoi maggiori informazioni sulla stampante ProX 100?

CONTATTACI PER RICEVERE SUBITO UNA RISPOSTA